Il carrello é vuoto
Serve aiuto?

Il nostro staff di farmacisti é a vostra disposizione per qualsiasi richiesta!

info@farmaself.it


389 2692429

Davide

9:30 - 13:00 / 15:00 - 19:30 0574 811229 selezionare interno 5

Feriali dopo le 20:00 e Festivi335 7572647chiedere di Lorenzo

Spedizioni gratis in 24/48h
per ordini superiori ai 35,00€
Actisinu 12 compresse 200mg + 30 mg

Johnson & Johnson spa

Dello stesso PRODUTTORE

Johnson & Johnson spa

Actisinu 12 compresse 200mg + 30 mg

10,97 € 8,23 Risparmi 2,74 € (25%)
Codice:ART229000
Minsan:043681028
ATCGMP:R01BA52
Promozione

Prezzo speciale!

Actisinu 12 compresse 200mg + 30 mg

ACTISINU 200 mg/30 mg
Ibuprofene/Pseudoefedrina cloridrato



ACTISINU contiene due principi attivi: ibuprofene e pseudoefedrina cloridrato.
L’ibuprofene appartiene a un gruppo di medicinali noti come farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). I FANS forniscono sollievo alleviando il dolore e abbassando la febbre.
La pseudoefedrina cloridrato appartiene a un gruppo di principi attivi denominati vasocostrittori che agiscono sui vasi sanguigni presenti nel naso per alleviare la congestione nasale.

Indicazioni terapeutiche
ACTISINU è usato per il trattamento sintomatico della congestione nasale nel raffreddore associato a mal di testa e/o febbre negli adulti e negli adolescenti di età non inferiore a 15 anni.

Deve prendere questo prodotto di combinazione esclusivamente in presenza di naso bloccato con cefalea o febbre. In presenza di uno solo di questi sintomi, parli con il suo farmacista o con il suo medico relativamente
all’uso del solo ibuprofene o della sola pseudoefedrina.

Si rivolga al medico se i sintomi peggiorano o nel caso l'uso del medicinale sia necessario per più di 4 giorni negli adulti o di 3 giorni negli adolescenti.

Controindicazioni
Non prenda ACTISINU se:
• è allergico all’ibuprofene o alla pseudoefedrina cloridrato o ad uno qualsiasi degli altri componenti di
questo medicinale (elencati al paragrafo 6)
• ha un’età inferiore ai 15 anni
• si trova nel terzo trimestre di gravidanza (7 mesi o oltre)
• sta allattando al seno
• in passato ha avuto una reazione allergica o respiro corto, asma, eruzioni cutanee, naso che cola o prurito al naso o gonfiore del viso a seguito dell’assunzione di acido acetilsalicilico o altri FANS
• ha episodi attivi o una storia di ulcere gastriche/duodenali ricorrenti (ulcere peptiche) o sanguinamento
(almeno due episodi distinti di ulcere o sanguinamento confermati)
• ha una storia di sanguinamento o perforazione gastrointestinale correlati a un precedente uso di FANS
• ha una grave insufficienza epatica o renale
• ha una grave insufficienza cardiaca
• ha gravi problemi cardiaci o di circolazione (cardiopatia, pressione arteriosa elevata,battito cardiaco accelerato), ghiandola tiroidea iperattiva, diabete, feocromocitoma (un tumore della ghiandola surrenale)
• ha una storia di attacco cardiaco (infarto del miocardio)
• ha avuto un ictus o le è stato già detto di essere a rischio di ictus
• ha una storia di convulsioni (crisi epilettiche)
• è affetto da disturbi della produzione delle cellule ematiche di origine sconosciuta
• ha un aumento della pressione oculare (glaucoma ad angolo chiuso)
• ha difficoltà ad urinare per problemi prostatici
• le è stato diagnosticato il lupus eritematoso sistemico (LES), una malattia che colpisce il sistema
immunitario e provoca dolore articolare, alterazioni cutanee e altri problemi
• sta prendendo:
• altri decongestionanti nasali (farmaci vasocostrittori) somministrati per via orale o nasale (es. fenilpropanolamina, fenilefrina, efedrina, xilometazolina o oximetazolina)
• metilfenidato, un medicinale per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (DDAI)
• medicinali per la depressione quali gli inibitori della monoamino ossidasi non selettivi (noti come IMAO, es. la iproniazide) o se li ha assunti negli ultimi 14 giorni

Avvertenze e precauzioni
Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere ACTISINU se:
• soffre di asma; l’uso di questo medicinale può provocare un attacco di asma
• ha precedenti di problemi gastrointestinali (quali ernia iatale, sanguinamento gastrointestinale, ulcera peptica o duodenale)
• ha o ha avuto una malattia gastrointestinale (colite ulcerosa o malattia di Crohn)
• ha la pressione arteriosa elevata
• ha problemi epatici o renali
• ha il diabete a causa di una potenziale nefropatia diabetica
• ha la ghiandola tiroide iperattiva (ipertiroidismo) o una psicosi
• ha un disturbo della coagulazione del sangue
Gli effetti indesiderati possono essere ridotti al minimo utilizzando la dose minima efficace per il più breve periodo possibile. Gli anziani sono a maggiore rischio di effetti indesiderati.
L'uso concomitante con i FANS, inclusi gli inibitori specifici della ciclossigenasi (COX)-2, aumenta il rischio di reazioni avverse (vedere paragrafo "Altri medicinali e ACTISINU" qui di seguito) e deve essere evitato.
I medicinali antinfiammatori/antidolorifici come l'ibuprofene possono essere associati a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se utilizzati a dosi elevate. Non superi la dose o la durata del
trattamento raccomandate.

Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere ACTISINU se:
- ha problemi cardiaci inclusi insufficienza cardiaca, angina (dolore al petto), o se ha avuto un attacco di cuore, innesto di bypass, arteriopatia periferica (insufficiente afflusso di sangue alle gambe o ai piedi a causa di un restringimento o un'ostruzione delle arterie), o qualsiasi tipo di ictus (incluso "mini-ictus" o attacco ischemico transitorio "TIA");
- ha pressione arteriosa elevata, diabete, livelli elevati di colesterolo, storia familiare di malattie cardiache o ictus, o se è un fumatore.
A causa della presenza della pseudoefedrina cloridrato, le seguenti condizioni sono controindicate (vedere paragrafo precedente): insufficienza coronarica o problemi circolatori gravi (patologie cardiache, elevata pressione del sangue, angina, battito cardiaco accelerato),una ghiandola tiroidea
iperattiva, diabete, feocromocitoma (un tumore della ghiandola surrenale), precedenti di attacco cardiaco (infarto del miocardio), precedenti di ictus o presenza di fattori di rischio per l'ictus.

L’uso prolungato di un qualsiasi tipo di antidolorifico per la cefalea può causare un peggioramento. Se questa situazione si verifica oppure viene sospettata, consultare un medico e sospendere il trattamento. La diagnosi di
cefalea da abuso di farmaci (MOH, Medication Overuse Headache) deve essere sospettata nei pazienti che hanno attacchi di cefalea frequenti o quotidiani nonostante (o a causa di) l’uso regolare di medicinali per la
cefalea.
Sono state riportate molto raramente gravi reazioni cutanee, alcune delle quali fatali, comprese dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica, in associazione con l’uso di FANS. I
pazienti sembrano essere a rischio maggiore di tali reazioni in una fase precoce di trattamento: l’insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. ACTISINU va sospeso
alla prima comparsa di eruzioni cutanee, lesioni mucosali o ogni altro eventuale segno di ipersensibilità.

Interferenza con i risultati delle analisi del sangue
La pseudoefedrina potrebbe interferire con alcuni esami diagnostici del sangue. Informi il suo medico che sta prendendo questo medicinale se deve sottoporsi a un esame del sangue.

Bambini e adolescenti
ACTISINU non deve essere dato ai bambini di età inferiore ai 15 anni.
Esiste il rischio di insufficienza renale negli adolescenti disidratati.

Atleti
Per chi svolge attività sportiva: l’uso del farmaco senza necessità terapeutica costituisce doping e può determinare comunque positività ai test antidoping.

Altri medicinali e ACTISINU
Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.
ACTISINU può influenzare o essere influenzato da alcuni altri tipi di medicinali. Ad esempio:
- medicinali anticoagulanti (che fluidificano il sangue/prevengono la coagulazione, es. acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina)
- medicinali che riducono la pressione arteriosa elevata (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti del recettore dell'angiotensina-II come losartan).
Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con ACTISINU. Consulti sempre un medico prima di utilizzare ACTISINU insieme ad altri medicinali.

ACTISINU non va utilizzato in combinazione con:
- altri agenti vasocostrittori utilizzati come decongestionanti nasali, somministrati sia per via orale sia per via nasale (es. fenilpropanolamina, fenilefrina ed efedrina)
- un medicinale per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (DDAI) denominato metilfenidato
- medicinali per la depressione quali gli inibitori della monoamino ossidasi non selettivi (IMAO, quali la iproniazide). Inoltre, non prenda questo medicinale se ha preso tali farmaci negli ultimi 14 giorni.
In particolare, informi il medico o il farmacista se sta assumendo:
- altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), compreso l'acido acetilsalicilico a dosi elevate e gli inibitori selettivi della COX-2
- medicinali per il trattamento delle aritmie cardiache (glicosidi cardiaci, es. digossina)
- medicinali per il trattamento dell’epilessia (es. fenitoina)
- glucocorticoidi, che vengono utilizzati per numerose condizioni quali dolore, gonfiore, allergia, asma, reumatismi e problemi cutanei
- eparina iniettabile
- alcuni medicinali per la depressione (es. litio, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina [SSRI] inibitori della monoamino ossidasi [IMAO] A)
- medicinali per la soppressione temporanea de sistema immunitario, es. metotressato (per artrite, psoriasi e alcuni carcinomi), ciclosporina o tacrolimus (dati dopo un intervento chirurgico di trapianto)
- medicinali antidiabetici (sulfaniluree)
- medicinali utilizzati per il trattamento delle infezioni (es. chinoloni, trimetoprim)
- medicinali che aiutano ad urinare (diuretici, es. risparmiatori di potassio)
- medicinali per la gotta (es. probenecid e sulfinpirazoni)
- medicinali anti emicrania (compresi i medicinali derivati dagli alcaloidi dell’ergot)
- medicinali per il trattamento di HIV/AIDS (zidovudina)
- preparazioni contenenti Ginkgo biloba
La somministrazione di pseudoefedrina può causare un improvviso aumento della pressione arteriosa durante un intervento chirurgico. Sospenda il trattamento con ACTISINU diversi giorni prima di un intervento chirurgico e
informi il suo anestesista.

ACTISINU con alcol
Deve evitare di assumere alcol durante il trattamento.

Gravidanza, allattamento e fertilità
Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.

Gravidanza
Eviti l’uso di questo medicinale nei primi 6 mesi di gravidanza se non diversamente consigliato dal suo medico
curante. Non prenda ACTISINU durante il terzo trimestre di gravidanza.

Allattamento
Non prenda questo farmaco se sta allattando con latte materno, in quanto potrebbe nuocere al bambino.

Fertilità
L’ibuprofene appartiene a un gruppo di medicinali (FANS) che potrebbero alterare la fertilità nelle donne.
Questo effetto è reversibile alla sospensione del farmaco.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari
ACTISINU potrebbe provocare capogiri, allucinazioni, cefalea insolita e disturbi della vista o dell’udito e quindi potrebbe temporaneamente influenzare la sua capacità di guidare o utilizzare macchinari. Se manifesta uno di questi sintomi non guidi e non utilizzi macchinari.

Come prendere ACTISINU
Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

Durata del trattamento
Questo medicinale deve essere utilizzato solo per brevi periodi di trattamento. Deve essere utilizzata la dose minima efficace per alleviare i sintomi per il minor tempo possibile.
Nel caso l’uso del medicinale sia necessario per più di 4 giorni negli adulti o di 3 giorni negli adolescenti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia, si rivolga al medico.

Posologia
La dose raccomandata per gli adulti e gli adolescenti di età non inferiore a 15 anni è di:
1 compressa ogni 6 ore, se necessario. Per sintomi più gravi, prendere 2 compresse ogni 6 ore, se necessario.
Non superi la dose massima giornaliera di 6 compresse al giorno (equivalente a 1200 mg di ibuprofene e 180 mg di pseudoefedrina cloridrato).

Modo di somministrazione
Le compresse sono per uso orale. Queste devono essere deglutite intere e non masticate, con abbondante quantità di acqua, preferibilmente durante i pasti.

Uso nei bambini e negli adolescenti
ACTISINU non deve essere dato a bambini e adolescenti di età inferiore ai 15 anni.

Se prende più ACTISINU di quanto deve
Sospenda il trattamento e consulti immediatamente il medico, anche se non avverte problemi.
Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

Possibili effetti indesiderati
Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.
Sospenda ACTISINU e consulti immediatamente un medico se nota:
• segni di sanguinamento intestinale quali: feci di colore rosso brillante, feci catramose nere, vomito contenente sangue o particelle scure tipo fondi di caffè
• segni di una grave reazione allergica quali: eruzioni cutanee gravi, peeling, desquamazione o vesciche cutanee, gonfiore facciale, sibili respiratori di origine sconosciuta, respiro corto, facile formazione di lividi
Contatti il suo medico qualora presenti uno dei seguenti effetti indesiderati, noti peggioramenti o eventuali altri effetti non presenti in elenco.
Comuni (possono interessare fino a 1 soggetto su 10)
• indigestione, fastidio o dolore addominale, nausea, vomito, flatulenza, diarrea, costipazione, lieve sanguinamento gastrointestinale, che raramente porta ad anemia
Non comuni (possono interessare fino a 1 soggetto su 100)
• reazioni di ipersensibilità con orticaria, prurito e attacchi d'asma (con calo della pressione arteriosa)
• disturbi del sistema nervoso centrale quali cefalea, capogiri, difficoltà a dormire, agitazione, irritabilità o stanchezza
• disturbi della vista
• ulcere gastrointestinali, talvolta con sanguinamento e perforazione, gastrite, infiammazione della parete della bocca con ulcerazione (stomatite ulcerosa), peggioramento di colite e malattia di Crohn
• eruzioni cutanee varie
Rari (possono interessare fino a 1 soggetto su 1.000)
• acufene (ronzio nelle orecchie)
• insonnia, nervosismo, ansia, irrequietezza, tremore, allucinazioni
• peggioramento di asma o reazione di ipersensibilità con respiro corto
• danni al tessuto renale (necrosi papillare), aumento delle concentrazioni di acido urico nel sangue
Molto rari (possono interessare fino a 1 soggetto su 10.000)
• peggioramento di infiammazioni infettive (es. fascite necrotizzante), meningite asettica (rigidità del collo,
cefalea, nausea, vomito, febbre o disorientamento) nei pazienti con malattie autoimmuni preesistenti (lupus
eritematoso sistemico (LES), malattia del tessuto connettivo mista)
• problemi nella produzione di cellule del sangue (anemia, leucopenia, trombocitopenia, pancitopenia,
agranulocitosi), che potrebbero portare alla facile formazione di lividi o maggiore suscettibilità alleinfezioni
• gravi reazioni allergiche
• reazioni psicotiche e depressione
• pressione arteriosa elevata, palpitazioni, insufficienza cardiaca, attacco cardiaco
• infiammazione dell'esofago (esofagite) e del pancreas (pancreatite), stenosi intestinale diaframma-simile
• disfunzione epatica, danni epatici, specialmente nella terapia a lungo termine, insufficienza epatica, infiammazione epatica acuta (epatite)
• gravi reazioni cutanee comprendenti eruzioni cutanee con arrossamento e vesciche (es. sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi tossica epidermica/sindrome di Lyell), perdita di capelli (alopecia), gravi
infezioni cutanee e complicazioni a carico dei tessuti molli in caso di varicella (infezione da virus della varicella zoster)
• aumento della creatinina sierica, edemi (particolarmente nei pazienti con ipertensione arteriosa o insufficienza renale), sindrome nefrosica, nefrite interstiziale, insufficienza renale acuta
Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)
• comportamento anomalo
• ictus, crisi epilettiche, cefalea
• palpitazioni, tachicardia, dolore al torace, aritmia
• pressione arteriosa elevata
• bocca secca, sete, nausea, vomito
• eruzione cutanea, orticaria, prurito, eccessiva sudorazione
• difficoltà a urinare

I medicinali simili a ACTISINU potrebbero essere associati a un lieve aumento del rischio di attacco cardiaco (“infarto del miocardio”) o di ictus.

Segnalazione degli effetti indesiderati
Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di
segnalazione all’indirizzo “http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili”. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Composizione
• I principi attivi sono ibuprofene e pseudoefedrina cloridrato.
Ogni compressa rivestita con film contiene 200 mg di ibuprofene e 30 mg di pseudoefedrina cloridrato
• Gli altri componenti sono:
Nucleo della compressa: cellulosa microcristallina, calcio idrogeno fosfato anidro, croscarmellosa sodica, amido
di mais, silice colloidale anidra, magnesio stearato.
Rivestimento della compressa: ipromellosa, macrogol 400, talco, titanio diossido (E171), ferro ossido giallo

Formato:
Confezione da 12 compresse.

Prodotti Simili